Carta dei principi

Missione

Centro di una rete di competenze internazionali per la formazione, la ricerca e i servizi in ambito bancario e finanziario.
Punto di riferimento regionale per la riflessione sulle strategie di sviluppo della piazza finanziaria ticinese.

Obiettivi

Integrazione delle professioni bancarie e para-bancarie (banche, fiduciarie, assicurazioni, avvocati d'affari, ...) per facilitare lo sviluppo di un distretto di servizi.
Integrazione delle molteplici sfaccettature dell'attività finanziaria (finanza, banking, problematiche giuridiche e fiscali, management bancario, ecc.) per l'erogazione di servizi globali.

Modalità

Organizzazione di corsi di formazione, creazione di forum di discussione, offerte di servizi

Contenuti

Formazioni, riflessioni e consulenze interdisciplinari con l'amalgama fra conoscenze operative e fondamenti teorici allo scopo di integrare formazione e strategia.

Architettura

Creazione di una matrice tridimensionale con in un'entrata le specificità professionali (banche, fiduciari, assicurazioni, ecc.); nella seconda entrata le aree di competenza (finanza, banking, fiscalità, ecc.), e nella terza la suddivisione in tipologie di attività (corsi di base, di approfondimentoe di perfezionamento).

Risorse umane

Le risorse umane del Centro di Studi Bancari possono essere suddivise in 3 tipologie:

Risorse materiali

Tre sono le risorse materiali facilmente individuabili; la prima "storica-valoriale" è la sede, la prestigiosa Villa Negroni, che permette di usufruire di un quadro carico di cultura; la seconda è la tecnologia informatica avanzata che permette di rispondere alle più moderne esigenze organizzative interne e di comunicazione verso l'estero; la terza è finanziaria. Quest'ultima, oltre a una risorsa è un limite nella misura in cui la missione deve essere ottemperata, gli obiettivi raggiunti, le modalità e i contenuti definiti e l'architettura costruita mantenendo l'autosufficienza finanziaria.