Lo scambio automatico di informazioni. Recepimento in Svizzera

Tipologia

Corso di perfezionamento

Date e orari

05/04/2017, dalle 9.00 alle 17.00
8 ore

Lingua

Italiano

Informazioni

Maddalena Biondi
+41 91 9616510

Iscrizione / Quote

Termine d'iscrizione:
29/03/2017

Destinatari principali

Compliance, Consulenza clientela private banking, Fiscal e Financial planning

Presentazione

La Svizzera si è impegnata ad adottare lo scambio automatico di informazioni dal 2018, con riferimento all'annualità 2017. Conseguentemente, si è attivato il processo di adeguamento della normativa interna.
La rilevanza del tema, con le relative implicazioni, per la piazza finanziaria svizzera è nota: è altrettanto importante, tuttavia, conoscere e comprendere i contenuti sia del Multilateral Competent Authority Agreement (MCAA) sia della Norma comune di dichiarazione (NCD) sviluppata dall'OCSE e da considerarsi come parte integrante dello standard sullo scambio automatico di informazioni.
Non tutte le disposizioni contenute nell'MCAA e nella NCDsono direttamente applicabili in Svizzera: questa la ragione per cui è altrettanto fondamentale comprendere come avverrà l'applicazione dello scambio automatico di informazioni in base alla normativa interna.

Scopo del corso è fornire in modo preciso e puntale un inquadramento dell'intero quadro normativo riguardante lo scambio automatico internazionale di informazioni in materia fiscale al fine di poter, successivamente, comprendere la normativa interna.

Obiettivi

Al termine del corso, il partecipante:
- ha approfondito tutti gli aspetti fondamentali attinenti l'applicazione dello scambio automatico d'informazioni in Svizzera, partendo da una contestualizzazione delle relative disposizioni a livello internazionale.

Contenuti

1. Model Competent Authority Agreement (Model CAA): modello di accordo per lo scambio di informazioni in via automatica fra le Autorità competenti degli Stati contraenti (di natura amministrativa)
1.1. Ambito di applicazione oggettivo e soggettivo
1.2. Istituti finanziari non dichiaranti e conti esclusi secondo la Norma comune di dichiarazione (NCD)
1.3. Aspetti procedurali e modalità di scambio
1.4. Confidenzialità e protezione dei dati: coordinamento con la Legge sulla Protezione dei dati
1.5. Utilizzabilità delle informazioni ricevute: procedimento amministrativo di accertamento, procedimento giurisdizionale tributario, procedimento giurisdizionale penale
2. Il Common Reporting and due diligence Standard (CRS): disposizioni sul contenuto dei dati da riportare, procedure, individuazione dei reportable accounts; trasmissione dei dati
2.1. L’oggetto dello scambio e i soggetti obbligati
2.2. Processo di verifica (due diligence)
- distinzione tra pre - existing accounts e new accounts (persone fisiche, enti, trusts e strutture simili)
2.3. Reporting: dati identificativi del titolare del conto e dell’intermediario
3. Attuazione in Svizzera dello scambio automatico di informazioni e della trasmissione spontanea di informazioni
3.1. Legge Federale sull'assistenza amministrativa internazionale in materia fiscale (LAAF) : prospettive di modifica
3.2. Legge federale sullo scambio automatico internazionale di informazioni ai fini fiscali (LSAI): inquadramento e contestualizzazione
3.3. Legge federale concernente l’applicazione unilaterale dello standard OCSE sullo scambio di informazioni (LASSI)

Svolgimento su misura

Questa iniziativa del Centro di Studi Bancari può essere richiesta, da società svizzere o estere, anche in modalità "su misura" (adattando, in caso, contenuti, durata, modalità didattica, periodo di svolgimento, ...). Per maggiori informazioni, inviare un'e-mail a Maddalena Biondi oppure telefonare al numero +41 91 9616510

Docenti

Paolo Arginelli
Dottore commercialista e revisore dei conti, Consulente in materia fiscale, commerciale e contabile, Socio fondatore e Managing Director di AdvantA, Lugano

Stelio Pesciallo
Avv. e Notaio, Studio 1896, Lugano, già responsabile del Servizio Giuridico e Compliance, UBS Cantone Ticino