Common Reporting Standard: le indicazioni della Direttiva AFC

Tipologia

Corso di approfondimento

Date e orari

06/04/2017 dalle 13:30 alle 17:00 e 07/04/2017 dalle 8:30 alle 17:00
12 ore

Lingua

Italiano

Informazioni

Maddalena Biondi
+41 91 9616510

Iscrizione / Quote

Termine d'iscrizione:
31/03/2017

Destinatari principali

Compliance, Fiscal e Financial planning, Fiduciario finanziario

Presentazione

Conoscere i principi che regolano lo scambio automatico di informazioni, ma soprattutto i suoi impatti sull’operatività, rappresenta un requisito imprescindibile al fine di poter rispondere efficacemente a quanto questo standard di cooperazione internazionale richiede.

A fornire precise indicazioni in questo senso, agli operatori svizzeri, è la Direttiva emanata dall’Amministrazione Federale delle Contribuzioni sullo standard per lo scambio automatico di informazioni finanziarie a fini fiscali. Colonna portante di questo percorso formativo, la Direttiva fornirà le basi per la trattazione di tematiche specifiche, quali gli obblighi nella gestione della relazione con il cliente avente residenza fiscale all’estero, il censimento delle relazioni oggetto di scambio, siano esse esistenti o nuove, gli obblighi di diligenza a fronte di cambiamenti di circostanza.

Dopo una panoramica relativa all'inquadramento normativo e regolamentare dello scambio automatico di informazioni in Svizzera, il corso si focalizzerà sui contenuti della Direttiva AFC quali: gli istituti tentui alla comunicazione, le informazioni da trasmettere all'autorità, il concetto di residenza fiscale ai fini dello scambio automatico di informazioni.

Obiettivi

Al termine del percorso, il partecipante ha appreso i principi che fondano le basi dello scambio automatico di informazioni, così come definito dalla Direttiva dell'AFC.

Contenuti

1. Basi legali dello scambio automatico di informazioni in Svizzera
2. Funzionamento dello scambio automatico di informazioni: schema generale di riferimento
3. Direttiva dell’AFC
4. Le informazioni da trasmettere all’AFC
5. Conti oggetto di comunicazione: l’impostazione del processo di adeguata verifica
6. Il concetto di “residenza fiscale” ai fini dello scambio automatico di informazioni
7. Gli istituti finanziari tenuti alle comunicazione all’AFC
8. Informazioni sul titolare del conto o dei soggetti che ne detengono il controllo
9. Identificazione di un’entità non finanziaria (NFE) sia passiva che attiva


Svolgimento su misura

Questa iniziativa del Centro di Studi Bancari può essere richiesta, da società svizzere o estere, anche in modalità "su misura" (adattando, in caso, contenuti, durata, modalità didattica, periodo di svolgimento, ...). Per maggiori informazioni, inviare un'e-mail a Maddalena Biondi oppure telefonare al numero +41 91 9616510

Docenti

Simona Genini
Avvocato, LL.M. International Tax Law, Besfid Sa, Lugano

Fabio Oetterli
Membro del gruppo di lavoro ASB sullo scambio automatico di informazioni, CEO H&P Treuhand und Verwaltung AG, Baar

Sarah Protti Salmina
Responsabile Tax Competence Center, BSI SA, Lugano