Swiss Cross-Border Wealth Management Certification for Client Advisors - Market Italy

Tipologia

Formazione Executive

Date e orari

16/10/2018,
dalle 08:30 alle 17:00
8 ore

Lingua

Italiano

Informazioni

Alfonsina Barbay
+41 91 9616528

Iscrizione / Quote

Termine d'iscrizione:
21/09/2018

Destinatari principali

Consulenza alla clientela, Fiduciario

Presentazione

La Posizione della FINMA Rischi giuridici del 22 ottobre 2010 e il Rapporto del Consiglio Federale del 22 febbraio 2012 sono due “stimoli” che, unitamente alle recenti novità a livello europeo, hanno profondamente cambiato l’attività del consulente finanziario svizzero che, per rimanere competitivo, deve integrare le sue già solide capacità consulenziali con le competenze normative e fiscali riguardanti il Paese di provenienza del suo cliente.

Offerta nelle precedenti edizioni in collaborazione con lo Swiss Finance Institute, il Centro di Studi Bancari, a partire da quest’anno, propone una versione della formazione aggiornata nei contenuti e con una durata ridotta. La formazione accompagna il partecipante all’ottenimento di una certificazione rilasciata dal Centro di Studi Bancari e attestante le competenze acquisite sul particolare mercato prescelto. In risposta a queste esigenze, Il programma formativo è calibrato sulle questioni di carattere regolamentare e fiscale di cui è investito il consulente svizzero nei confronti della propria clientela italiana. Si compone di un modulo introduttivo, comune a tutti i mercati (Francia, Germania, Italia e altri mercati su richiesta) in modalità self-study (M0), basato su una documentazione online il cui obiettivo è quello di dare una panoramica e una chiave di lettura generale degli aspetti regolamentari e fiscali, seguito da due moduli relativi alla parte di formazione specialistica in aula focalizzati sulle specificità del mercato italiano. Per coloro che fossero interessati a certificarsi su più mercati, il modulo introduttivo è riconosciuto, consentendo quindi l’iscrizione direttamente alle parti di formazione specialistica dei successivi Paesi scelti. Dopo l’esame finale, per mantenere la certificazione, sono organizzate, a cadenza media annuale, delle sessioni di aggiornamento (refresher) relative ai principali cambiamenti intervenuti nelle tematiche affrontate al corso.

Il corso è riconosciuto per il mantenimento della certificazione di consulente alla clientela bancaria della Swiss Association for Quality (SAQ).

Obiettivi

Al termine del corso il partecipante:
- sa gestire le principali variabili regolamentari e fiscali caratterizzanti la consulenza cross-border con il cliente italiano;
- ha consolidato con efficacia la relazione professionale con il cliente italiano;
- ha individuato e sa sfruttare le possibilità di sviluppo del business.

Contenuti

M0 Nozioni generali (self-study)
Il modulo, disponibile in self-study, è suddiviso in due parti che si occupano di questioni fiscali e regolamentari comuni a tutti i mercati e legate alle attività cross-border.

M1 Aspetti regolamentari nel rapporto d’affari cross-border (4 ore)
1. Il concetto “cross – border” nelle attività bancarie e finanziarie e gestione del rischio alla luce della normativa svizzera
2. MiFID II nella regolamentazione italiana
2.1. Operatività in Italia di imprese di investimento di Paesi terzi
2.2. Quando si considera svolta in Italia la prestazione di servizi di investimento?
2.3. La reverse enquiry come alternativa all’accesso al mercato
3. Regole di comportamento a carico del consulente
3.1. Norme di comportamento da rispettare al momento della prestazione del servizio
3.2. Norme di comportamento da rispettare al momento della prestazione del servizio tramite un altro intermediario
4. Reati di abusivismo

M2 Aspetti di fiscalità nel rapporto d’affari cross–border (4 ore)
1. La residenza fiscale delle persone fisiche ai fini interni e ai fini convenzionali
2. La tassazione dei redditi transnazionali
2.1. Le convenzioni contro la doppia imposizione, con focus particolare sulla CDI Italia – Svizzera
2.2. La tassazione dei redditi prodotti all’estero da parte di soggetti residenti in Italia
3. La fiscalità dei prodotti finanziari nell’ordinamento italiano e nella CDI Svizzera – Italia
4. Obblighi dichiarativi a carico del contribuente/cliente
4.1. Il monitoraggio fiscale e il quadro RW
5. Lo scambio automatico di informazioni: obblighi di due diligence a carico del consulente
6. Cenni sul reato di riciclaggio fiscale (art. 305bis CP)

Esami

Exam

L’esame, la cui quota è compresa in quella di iscrizione, è in formato multiple choice e dura un’ora. Si terrà il 6 novembre 2018, dalle 09:00 alle 10:00, a Villa Negroni, Vezia.
Il candidato che supererà l’esame otterrà la “Swiss Cross-Border Wealth Management Certification for Client Advisors – Market Italy”, rilasciata dal Centro di Studi Bancari.

Examination Board

- René Chopard, CEO, Centro di Studi Bancari
- Helen Tschümperlin Moggi, CFA, Head of Area Finance, Centro di Studi Bancari



Regulations for the Certification

Svolgimento su misura

Questa iniziativa del Centro di Studi Bancari può essere richiesta, da società svizzere o estere, anche in modalità "su misura" (adattando, in caso, contenuti, durata, modalità didattica, periodo di svolgimento, ...). Per maggiori informazioni, inviare un'e-mail a Alfonsina Barbay oppure telefonare al numero +41 91 9616528

Docenti

Toni Atrigna
Dott. Comm. e Revisore dei Conti, Professore di Diritto del mercato finanziario presso la Facoltà di Giurisprudenza dell'Università di Brescia, Partner, Atrigna & Partners Studio Legale Associato, Milano

Roberto D'Imperio
Dott. Comm. e Revisore dei conti, Studio D'Imperio, Novara, Professore di Aggregazioni Aziendali e Analisi di Bilancio presso l'Università del Piemonte Orientale "A. Avogadro" di Novara

Sebastiano Garufi
Avvocato, Dr., Senior Associate, Altenburger Ltd Legal + tax, Lugano, Professore di Diritto tributario, Università Bocconi, Milano